New entry

Links
Links
Links
Links
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Statistiche
Flag Counter
 


Space Shuttle e i messaggi degli astronauti

Space Shuttle program 1981 - 2011
Space Shuttle program 1981 - 2011

 

Lo Space Shuttle Discovery ( denominazione NASA OV-103 ) è uno Space Shuttle della NASA. Il suo primo volo risale al 30 agosto 1984. Fu il terzo Shuttle a essere operativo ( se si esclude il prototipo Enterprise ) e il più vecchio rimasto in servizio dato che i suoi predecessori Columbia e Challenger sono andati perduti in missione. L'orbiter ha concluso con successo la sua ultima missione il 9 marzo 2011.
Il Discovery deve il proprio nome alla nave HMS Discovery, che trasportò l'esploratore James Cook nell'ultimo dei suoi 3 viaggi principali. Non ufficialmente, lo Shuttle trae il proprio nome da Discovery, l'astronave del film 2001: Odissea nello spazio.
Il Discovery fu lo Shuttle che mise in orbita il Telescopio Spaziale Hubble e 2 delle 3 missioni di manutenzione del telescopio vennero effettuate con la stessa navicella.

Ha anche lanciato la sonda Ulisse e 3 satelliti TDRS.
È stato sempre il Discovery a riprendere i voli della NASA dopo i disastri del Challenger e del Columbia.

 

Aggiornamenti

Discovery pesava circa 3.120 kg meno del Columbia quando fu messo in servizio grazie a miglioramenti apportati durante la costruzione. A partire dalla fine del 1995, Discovery ha passato 9 mesi in manutenzione. Questo ha comportato alcuni aggiornamenti tra cui una serie di 5 serbatoi criogenici e una camera di compensazione esterna per permettere le missioni sulla Stazione Spaziale Internazionale.
Dopo la missione STS-105, Discovery è diventato il primo della flotta orbiter ad avere importanti di modifiche.

Missione STS-114

Il 26 luglio, 2005 alle 10:39 EDT, Discovery decollò per la missione STS-114. Fu il primo Shuttle lanciato dal febbraio 2003 dopo il disastro del Columbia. Video girati durante il lancio del Discovery mostrarono come parti del rivestimento del serbatoio si fossero staccate durante la partenza.

Sebbene non fosse evidente che questi frammenti potessero aver danneggiato il Discovery, la NASA sospese i voli fino alla risoluzione del problema.
Il Discovery sarebbe dovuto rientrare l'8 agosto 2005, ma si decise di estendere la durata della missione per le pessime condizioni del tempo. Lo shuttle rientrò dall'orbita il 9 agosto 2005 ed atterrò alle 8:12 AM EDT, presso la base di Edwards Air Force Base, dopo aver percorso 9,3 milioni di chilometri.

Voli

Con l'ultima missione del marzo 2011, la STS-133, lo Space Shuttle Discovery ha effettuato 39 voli, rimanendo in orbita per 365 giorni, 12 ore, 53 minuti e 34 secondi, completando 5.830 orbite, corrispondenti a 238.539.663 km.

 

NASA tributo allo Space Shuttle Discovery
NASA tributo allo Space Shuttle Discovery

 

Fonte

I messaggi degli astronauti

Si è spesso vociferato di "incontri" tra UFO ed astronauti, presumibilmente avvenuti nel corso delle varie missioni spaziali intraprese dal governo americano a partire dagli inizi degli anni '60 del 20° secolo. Recentemente è venuta a galla, grazie a Clark B. McClelland, un operatore del programma Shuttle della NASA, una storia a dir poco incredibile.
McClelland, in un suo articolo del 2004, ha riportato una conversazione avuta con il Col. Ellison Onizuka, specialista di missione sullo Space Shuttle Challenger, solo alcuni giorni prima che la navetta esplodesse il 28 gennaio 1986, causando la tragica morte di tutto l’equipaggio. Secondo McClelland, Onizuka gli chiese se il suo cognome avesse un qualche collegamento con la base dell'aeronautica McClellan, a Sacramento in California. McClelland, sorpreso dall'inconsueta domanda, rispose negativamente. A quel punto Onizuka riferì che, approssimativamente 8 o 9 anni prima del suo addestramento da astronauta, presso la suddetta base, egli ed altri ingegneri di volo aerospaziale e piloti dell’USAF furono condotti in una stanza ove fu proiettato un filmato di esseri alieni morti.I corpi degli esseri, giacenti su lastre di marmo,  avevano grandi teste e grandi occhi, tipici degli alieni della razza dei "Grigi".
Gi ufficiali presenti alla proiezione furono colti completamente alla sprovvista da quello spettacolo e non fu data loro alcuna possibilità di discutere ciò che avevano visto.
Onizuka pensò che si trattasse di un qualche tipo di test psicologico per testare la loro reazione complessiva.
Il colonnello Onizuka iniziò il proprio servizio attivo nell'Aeronautica nel 1970 e fu selezionato come astronauta per la NASA nel 1978. Prestò servizio presso la base di McClellan durante i primi anni '70 ed è quindi probabile che l'episodio a cui egli fece riferimento si sia verificato in quel periodo. Come al solito è difficile determinare quanto di cui sopra corrisponda a verità, è però utile ricordare, che verso la fine degli anni '70 il ricercatore Leonard Stringfield raccolse molte storie simili. Parecchi militari riferirono di aver visto filmati mostranti esseri alieni e la loro tecnologia.

In particolare, uno specialista di radar  disse a Stringfield  che nel 1953, mentre era di stanza a Fort Monmouth, New Jersey, gli fu mostrato il film di un UFO apparentemente precipitato nel deserto. Le immagini contenevano anche una breve prospettiva dell'interno del disco e corpi di alieni morti in una  tenda militare.
Il filmato era pieno di graffi e di resa grafica piuttosto scadente, segno che era stato proiettato molte volte. L'ufficiale presente alla proiezione disse ai presenti "di pensarci su e di non parlarne con nessuno". Due settimane dopo, un ufficiale dei servizi di intelligence della base disse all'operatore radar di dimenticare il film che aveva visto perché si trattava di una beffa!
Qualche anno dopo, un altro militare, anch'egli operatore radar, raccontò al testimone di aver visionato lo stesso film e di aver ricevuto le medesime istruzioni.

 

  • Per quale oscuro motivo il governo americano mostrò a militari con precise credenziali ( operatori radar, astronauti ) filmati su UFO ed alieni?
  • Forse per prepararli in qualche modo a possibili contatti con intelligenze extraterrestri, considerate anche le mansioni svolte?

 

Non è infatti del tutto improbabile che un astronauta, nel corso delle proprie missioni, possa in qualche modo fare simili incontri. Sono del parere che una mancata informazione sulla materia da parte della NASA abbia potuto causare i traumi di cui hanno sofferto gli astronauti delle prime missioni spaziali. Bisogna infatti ricordare che l'equipaggio dell'Apollo XI accusò strani disturbi al ritorno sulla Terra:

Buzz Aldrin soffrì per molto tempo di una grave forma di depressione, mentre Neil Armstrong divenne insolitamente misantropo e taciturno.

 

  • Avevano visto qualcosa a cui non erano stati adeguatamente preparati?


Secondo Neil Armstrong ( il primo uomo a metter piede sulla Luna ), gli alieni hanno una base sul nostro satellite e ci dicono, in termini piuttosto decisi, di stare alla larga dalla Luna.

A quanto dicono i rapporti finora noti, sia Neil Armstrong che Edwin Aldrin videro degli UFO dopo il famoso atterraggio sulla Luna dall'Apollo 11 il 21 luglio 1969. Uno degli astronauti riferì di aver visto una "luce" sopra e dentro un cratere durante la ripresa televisiva, seguita da una richiesta di maggiori informazioni da parte del controllo missione.

 

Ecco il dialogo che si sarebbe svolto fra Luna e Terra:

 

NASA: Che cosa c'è?

Controllo missione chiama Apollo 11...


Apollo 11: Quei "cosi" sono enormi, mio Dio ! Enormi! Oh, mio Dio, non ci credereste ! Vi dico che stiamo vedendo altre ' navicelle qui fuori. Sono ferme sul bordo del cratere !

Sono sulla luna e ci stanno osservando!

Un professore, che ha voluto rimanere anonimo, ha inviato alle organizzazioni ufologiche il seguente resoconto di un dialogo da lui avuto con Neil Armstrong durante un simposio della NASA:

 

Professore: che cosa accadde veramente fuori dell'Apollo 11?


Armstrong: una cosa incredibile, anche se noi abbiamo sempre saputo di questa possibilità. Il fatto è che loro ( gli Alieni ) ci hanno intimato di allontanarci! .


Professore: che cosa vuole dire "intimato di allontanarci" ?


Armstrong: non posso entrare nei dettagli, posso solamente dire che le loro astronavi sono di gran lunga superiori alle nostre sia per dimensioni che per tecnologia.

Accipicchia se erano grandi!... e minacciose!


Professore: ma la NASA ha ugualmente inviato sulla Luna altre missioni dopo l'Apollo 11... .


Armstrong: naturalmente: la NASA le aveva già annunciate a quel tempo e non poteva rischiare il panico sulla Terra.


Secondo l'ufologo americano Vladimir Azhazha, "Neil Armstrong disse al Controllo Missione che 2 enormi oggetti sconosciuti stavano osservando lui ed Aldrin dopo l'atterraggio sulla Luna. Ma questo messaggio non è mai stato ascoltato dal pubblico, perché la NASA lo ha censurato".

 

File audio di Neil Armstrong

 

Aleksandr Kasantesev afferma che Buzz Aldrin fece un film a colori dell'UFO da dentro la navicella e continuò a filmare loro, Armstrong e lui stesso anche quando furono fuori.

Armstrong confermò che la storia era vera, ma rifiutò di dare ulteriori dettagli, poi ammise che la CIA voleva nascondere l'accaduto.
Occorre inoltre aggiungere, che da tempo circola su internet un file audio che riporta la conversazione tra gli astronauti ed il centro di controllo di Houston captata da  diverse stazioni radio terrestri a frequenza ultrarapida, prima che la NASA la sopprimesse nella trasmissione televisiva che illustrò l’arrivo di Apollo XI sulla Luna ( nonostante la NASA affermi il contrario, esisteva infatti una leggera differita tra le reali comunicazioni NASA-Apollo e quelle ritrasmesse al mondo ).

 

Ecco il testo integrale:

 

Astronauta 1: Ma cos'è quello?

Astronauta 2: Avete una spiegazione?

 

Houston: Non vi preoccupate, attenetevi al programma!

 

Astronauta 1: Mio Dio, ma è incredibile, questo è fantastico, non lo potreste mai immaginare!

 

Houston: Sappiamo di questo, andate dall'altra parte!

 

Astronauta 1: Ma che diavolo è quello? È incredibile... Dio ... ma cos'è? Allora, me lo dite?

 

Houston: Cambiate frequenza, usate Tango, Tango!

 

Astronauta 1: Allora è una forma di vita, quella!

 

Houston: Cambia frequenza.

Houston: Usa Bravo Tango, Bravo Tango, scegli Jezebel, Jezebel!

 

Astronauta:...sì! ... ma tutto questo è incredibile!

 

Houston: Passa su Bravo Tango, Bravo Tango!

A questo punto la comunicazione viene interrotta.

 


Maurice Chatelain, noto esperto di comunicazioni del Centro Spaziale di Houston, recentemente scomparso, ha scritto in un diario che in alcuni casi astronavi terrestri hanno sfiorato degli UFO .

 

"Gli astronauti - scrive Chatelain - hanno visto cose delle quali non possono parlare con nessuno fuori dalla NASA".

E ancora: "Tutti i voli Apollo o Gemini furono seguiti a distanza, qualche volta... molto ravvicinata, da veicoli spaziali di origine extraterrestre. Ogni volta che ciò è accaduto gli astronauti ne hanno informato la missione di controllo, che ha imposto loro l'assoluto silenzio".

Scrive il console Alberto Perego: "l'aviazione extraterrestre ha sempre seguito, controllato ed osservato da vicino, tutti i nostri esperimenti spaziali. Risulta che siano stati osservati e seguiti in orbita:

 

  • Sputnik I ( 3-10-1957 )
  • Sputnik II ( 3-11-1957 )
  • Juno II ( 1-11-1959 )
  • Echo I ( 2-08-1960 )
  • Polaris ( 10-01-1961 )
  • Minutemann ( 18-03-1963 )

 

Avevano già visto dischi, i cosmonauti Gagarin, Titov, Mac Divitt, Cooper, Iegorov, Leonov, White, Borman, Lowell, Tereskova ed altri."

 

Lo sbarco sulla Luna in HD

Moonscape
Moonscape

 

Una serie di video in HD imperdibili dello sbarco sulla Luna, clicca sul banner Moonscape per vederli.

 

Altri messaggi degli astronauti nelle rispettive missioni spaziali

MERCURY MA-6 Friendship 7
MERCURY MA-6 Friendship 7

 

MERCURY MA-6 Friendship 7 - 26/02/1962
John Glenn, durante il volo orbitale sopra l'Australia, comunica a Houston di vedere migliaia di particelle luminose che lo scortano per 6.000 Km. Al rientro nell'atmosfera sarà seguito da un globo luminoso che l'astronauta esclude trattarsi di una meteora: per le sue dichiarazioni Glenn sarà allontanato dai voli. ( fonte:Francesco Ogliari già Presidente del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica ).

 

MERCURY MA-7 Aurora 7
MERCURY MA-7 Aurora 7

 

MERCURY MA-7 Aurora 7 - 24/05/1962
Le particelle luminose che scortano l'astronave Mercury vengono scorte sopra l'Australia da Scott Carpenter, velocissime, in formazione. Carpenter esclama: "dunque esistono! Ditelo a Glenn che aveva ragione!".

In fase di recupero, per un errore di calcolo, Scott Carpenter resta in acqua un'ora. Quando lo ritrovano asserisce di essere stato aiutato da un alone arancione, poi verde, attorno alla capsula. Il calore esterno non penetrò mai in cabina, anche se la temperatura era elevatissima. ( Francesco Ogliari ).

 

VOSTOK 3 - 4 Mission
VOSTOK 3 - 4 Mission

 

VOSTOK 4 - 12/08/1962
L'astronauta russo Pavel Popovic, durante le 45 rivoluzioni attorno alla Terra: "Vedo le famose particelle luminose".          ( Francesco Ogliari ).

 

MERCURY 8
MERCURY 8
SIGMA 7
SIGMA 7

 

MERCURY MA-8 Sigma 7 - 3/10/1962
Walter Schirra, su Mercury Sigma 7: "Scott ( Carpenter ), le vedo anch'io le tue particelle luminose, mi scortano!" (Francesco Ogliari).

 

MERCURY MA-9 Faith 7
MERCURY MA-9 Faith 7

 

MERCURY MA-9 Faith 7 - 15/05/1963
Gordon Cooper: "durante il volo scorsi un'enorme palla luminosa che mi veniva addosso: era un disco volante verde con fascia rossa".
La comunicazione di Carpenter a terra viene tagliata dalla NASA e l'astronauta ha il divieto di fare ulteriori dichiarazioni in tal senso ai giornalisti. ( "Tribuna Illustrata" n. 28 - 9/07/1967 ) ( Francesco Ogliari ).

 

VOSTOK
VOSTOK

 

VOSTOK - 18/03/1965
Viene collocato in orbita il satellite artificiale russo "Vostok", pilotato da Berezev e Leonov. Il primo cosmonauta ad uscire dalla capsula e a farsi trascinare in volo nello spazio cosmico fu Leonov. Si saprà poi che egli aveva visto "un misterioso oggetto rotondo". ( Alberto Perego ).

 

GEMINI 2
GEMINI 2

 

GEMINI 1 - 8/04/1965
La "Gemini 1", con due piloti a bordo. Fu un pieno successo, ma si apprese in seguito, da fonti riservate, che la "Gemini" era ancora nella sua prima orbita quando fu avvicinata da 4 dischi che si erano affiancati: 2 ai lati, 1 di sopra e 1 dietro.               ( Alberto Perego ).

 

GEMINI 4
GEMINI 4

 

GEMINI 4 - 3/06/1965
A bordo della Gemini 4, Mc Divitt avvista sopra le Hawaii un oggetto misterioso con sporgenze simili a braccia.

Lo fotografa. Rivede altri 2 oggetti simili sopra le Canarie: alla NASA un portavoce ufficiale riferisce alla United Press: "un attento esame delle immagini scattate dall'oggetto non mostra nulla che somigli a un satellite". Mc Divitt dichiara che l'oggetto visto e gli altri 2 hanno forma di disco luminescente. (Francesco Ogliari).


Mac Divitt ammise di aver visto "3" oggetti misteriosi attorno alla Gemini 4. Il primo oggetto, visto sulle Hawaii, venne descritto come un apparecchio con 3 lunghe antenne.

Si disse che poteva trattarsi di un vecchio "Pegasus" vagante nello spazio. Ma che cosa erano gli altri "2" oggetti visti sulle Antille? Furono pubblicate fotografie di "un oggetto" visto da Mac Divitt e si disse che "assomigliava ad una piccola cometa"! (Alberto Perego).

 

GEMINI 7
GEMINI 7

 

GEMINI 7 - 4/12/1965
Frank Borman e James Lovell avvistano un oggetto non identificato durante il loro volo.
Borman affermò di aver visto l'oggetto ad una certa distanza dalla capsula. Da terra gli fu risposto che quello che aveva visto era lo stadio finale del loro razzo propulsore Titan.

Borman replicò che il razzo propulsore era al suo posto e che lui stava vedendo qualcosa di completamente diverso.

 

GEMINI 8
GEMINI 8

 

❖ GEMINI 8 - 16/03/1966
Veniva posta in orbita un' "Agena" e dopo un'ora e quaranta minuti la Gemini 8. I piloti Scott e Armstrong riuscivano ad agganciarsi all'Agena a 300 Km d'altezza.

Pochi minuti dopo Armstrong comunicava alla Base che la Gemini 8 si era messa a vibrare paurosamente e a ruotare su se stessa insieme all'Agena.
La Base dette immediatamente ordine di rientrare. Occorse però più di mezz'ora perché la Gemini riuscisse a staccarsi dall'Agena. I razzi di stabilizzazione, improvvisamente, ripresero a funzionare da soli. Armstrong dichiarò ai giornalisti che anche la Gemini 8 aveva incontrato le famose "lucciole spaziali", già segnalate da Glenn e da Carpenter in precedenti voli orbitali. ( Alberto Perego ).

 

GEMINI 9
GEMINI 9

 

GEMINI 9 - 3/06/1966
Cernan riuscì a rimanere fuori della capsula per 1 ora e 30 minuti ( invece di 2 ore e 30 minuti come programmato ), perché il suo casco cominciò a surriscaldarsi a 297 Km d'altezza, durante la 31ª orbita, all'inizio del 3° giorno di volo. La Gemini 9 ricevette allora l'ordine di rinunciare all'inseguimento dell'ATDA ( satellite che avrebbe dovuto essere inseguito e poi agganciato dalla Gemini 9 ) e di rientrare. Riuscì inspiegabile che l'ATDA, dopo aver compiuto 20 orbite attorno alla Terra, era stato improvvisamente circondato da 5 oggetti volanti, 4 dei quali non avevano potuto essere identificati. ( Alberto Perego ).

 

GEMINI 10
GEMINI 10

 

GEMINI 10 - 18/7/1966
Young e Collins fotografano "dischi volanti". Collins rilascerà un'allucinante intervista trasmessa da Gianni Bisach per "Prima Pagina", della RAI TV italiana, sulla sua esperienza.                   ( Francesco Ogliari ).

 

GEMINI 11
GEMINI 11

 

GEMINI 11 - 13/09/1966
Conrad e Gordon videro passare un "oggetto misterioso" ruotante su se stesso poco distante dalla Gemini e riuscirono a fotografarlo. ( Alberto Perego ).

 

APOLLO 7
APOLLO 7

 

APOLLO 7 - 11/10/1968
Schirra, Eisele e Cunningham fotografano casualmente 2 oggetti sconosciuti sui monti del Pakistan.

 

APOLLO 8
APOLLO 8

 

❖ APOLLO 8 - 21-27/12/1968
Durante la missione di Borman, Lovell e Anders vengono avvistati UFO a forma di dischi mentre la capsula orbitava intorno alla Luna. Gli astronauti dicono: "siamo stati informati che Santa Claus esiste". ( Maurice Chatelain ).

 

APOLLO 9
APOLLO 9

 

APOLLO 9 - 3/03/1969
Mc Divitt, Scott e Schweickart realizzano il congiungimento col modulo lunare. Nella notte il sonno degli astronauti è stato turbato da misteriose trasmissioni radio per 4 volte consecutive. ( "Corriere della Sera" - 5/03/1969 )   (Francesco Ogliari).

 

APOLLO 10
APOLLO 10

 

❖ APOLLO 10 - 18-26/5/1969
Avvistati 2 UFO seguire la capsula durante orbita lunare e volo di ritorno. ( Maurice Chatelain ).

 

APOLLO 11
APOLLO 11

 

APOLLO 11 - 20/7/1969 ( allunaggio )
Poco prima che Neil Armstrong mettesse piede sulla Luna, due UFO gli passarono sulla testa e il suo compagno Buzz Aldrin scattò molte istantanee che li ritraevano. ( Maurice Chatelain ).
Buzz Aldrin, in occasione del 25° anniversario dello sbarco sulla Luna, ha dichiarato, alla presenza di Neil Armstrong, nel corso di una cerimonia celebrativa in Italia:


"...un UFO era con noi... Poco dopo aver lasciato il campo gravitazionale della Terra diretti alla Luna, tutti e 3, Neil Armstrong, Mike Collins ed io, vedemmo apparire sull'oblò un oggetto luminoso che ci seguiva a distanza... Ne informammo Houston, la base. Pensammo che fosse l'ultimo stadio del Saturno 5, il missile che ci aveva lanciato, ma i conti non tornavano. Non poteva essere neppure la sonda robot lanciata dai sovietici per batterci almeno simbolicamente nella corsa alla Luna, perché era più avanti di noi. Che cos'era? Non lo so, non lo scoprimmo mai. L'oggetto ci accompagnò per molte ore e poi scomparve..."

( "La Stampa" - 24/07/1994 ) ( Roberto Pinotti ).

 

APOLLO 12
APOLLO 12

 

❖ APOLLO 12 - 14-24/11/1969
Poche ore dopo la partenza, i 3 cosmonauti , Gordon, Conrad e Bean, comunicano alla Base di Houston di essere inseguiti da un oggetto volante non identificabile. La Base di Houston replicò: "andate pure a dormire tranquilli! Domani vi diremo di che cosa si tratta".

Il giorno dopo venne ufficialmente spiegato che l'oggetto misterioso era un "riflesso" (!?) di uno degli stadi esauriti del "Saturno" che, invece di immettersi in orbita solare, aveva proseguito nella stessa direzione dell'Apollo!!!

L'opinione pubblica mondiale aveva intuito che cosa poteva effettivamente essere quell'oggetto luminoso che, a 40 Km di distanza dall'Apollo 12, era apparso alla televisione di proporzioni enormi. ( Alberto Perego ).

 

APOLLO 13
APOLLO 13

 

APOLLO 13 – 20/04/1970
La missione fu interrotta a causa di una grave perdita da uno dei serbatoi dell’ossigeno del modulo di comando. Chatelain si spinse al punto di dichiarare che il fallimento dell’Apollo XIII fu dovuto ad un UFO che proteggeva qualche base lunare creata dagli extraterrestri, poiché a bordo aveva una piccola struttura nucleare destinata ad essere piazzata sulla luna per rilevazioni sismiche. Sia come sia, la NASA non ha ancora comunicato ufficialmente i risultati dell'indagine sull'avaria.

 

APOLLO 14
APOLLO 14

 

APOLLO 14 - 31/01-9/02/1971
Shepard avvista le luci misteriose che scortano l'astronave. Subito dopo comunica il suo messaggio di pace al mondo e l'invito a far sì che le scoperte scientifiche siano messe a punto solo per opera di pace. Contemporaneamente cade per la seconda volta il misterioso buio su New York, Filadelfia, Albany, Providence, Ottawa, Toronto e altre città restano bloccate da cause che restano ancora sconosciute. ( Francesco Ogliari ).

Come abbiamo visto, la NASA ha spesso occultato al grande pubblico fenomeni che non poteva facilmente spiegare:

quanti altri misteri aspettano ancora di essere rivelati?

 

Giacomo Casale

 

Fonte

3
3
sito ufologico