New Libro

SerieTV

Links
Links
Links
Links
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Statistiche
Flag Counter
 


The mist
The mist
The mist - Locandina - Poster
The mist - Locandina - Poster
The mist Copertina DVD + CD
The mist Copertina DVD + CD
Dimension Films

Links

The mist in italiano streaming

Trama e scheda del film The mist

 

Titolo originale: The mist

Regia: Frank Darabont
Paese e Anno: USA 2007

Cast: Thomas Jane, Alexa Davalos, Marcia Gay Harden, Laurie Holden, William Sadler, Chris Owen, Nathan Gamble, Andre Braugher, Toby Jones, Sam Witwer

Fotografia: Ronn Schmidt

Montaggio: Hunter M. Via

Musiche: Mark Isham

Produzione: Darkwoods Productions

Distribuzione: Lucky Red

Genere: Horror

Durata: 99 min. 

 

Trama The mist

 

Dopo essere stata colpita da una violenta tempesta, una cittadina del Maine viene avvolta da una coltre di fitta e misteriosa foschia. Presto gli abitanti del luogo capiscono che nella nebbia si nascondono creature mostruose e assetate di sangue. Un gruppo di persone, tra cui David Drayton ed il suo bambino di 5 anni, trovano rifugio dentro in piccolo supermarket, e da lì dovranno cercare un modo per sopravvivere e fuggire. Tratto da un racconto di Stephen King.

 

Trailer The mist

Recensione The mist

 

Bellissimo. Se iniziassi dicendo che The Mist è la trasposizione cinematografica di un racconto di Stephen King, precisamente appartenente alla raccolta Scheletri, metterei tutti in guardia.
Il motivo è presto detto: non sono poi così tante le versioni sulla celluloide, che siano riuscite a raggiungere anche lontanamente il trasporto creato dalla lettura attenta delle pagine stampate firmate dal grande maestro dell’horror.
The Mist si rivela un’eccezione. Ci troviamo di fronte a un horror di primissimo livello, che non deluderà ne gli appassionati di King, che, come me, hanno letto il racconto, ne coloro che si recano al cinema pregando e scongiurando nella speranza di non imbattersi in qualche ridicolaggine che ultimamente è di moda definire “film horror”.
L’angoscia monocromatica con cui The Mist ci fa scivolare nel cuore della vicenda è di rara efficacia. Tutto succede in un batter d’occhio, proprio come in un racconto, e lentamente ci si trova avvolti in una nebbia micidiale.
Da dove viene la misteriosa nebbia che avvolge in poco tempo Bridgton, una cittadina del Maine? Quale sarà il ruolo di Dave Drayton (Thomas Jane), e il destino della moglie e del figlioletto Billy? Se andate a vedere The Mist lo saprete, non mi sento in diritto di “spoilerare” sul primo, vero film horror che vedo dopo tanto tempo passato a sperare.
Qualcosa, però posso riportarla. La nebbia non è una nebbia alla The Fog, ma contiene qualcosa di molto più, per così dire, “corporeo”, anche se la sua mutevolezza lo rende sfuggevole alla comprensione, laddove già la vista ha perso tutte le sue funzionalità. Un gruppo di persone assediate in un supermercato, circondate dall’ignoto, un ignoto minaccioso che non lascia scampo, che non lascia speranze. Se il “mostro” non fosse sufficiente, ecco risorgere lo spaventoso mostro che dormicchia sopito in ognuno di noi. Le dinamiche del gruppo assediato sono studiate e mostrate in modo fine, il degenerare rappresenta uno spunto per scene crudeli, a tratti estremamente realistiche, mentre un pirotecnico delirio evoluzionistico esplode all’esterno, e rende preda il cacciatore.
Non ci sono limiti alle “dimensioni” che l’orrore può raggiungere; come se l’uomo diventasse mostro di fronte al mostro, grazie a un perverso effetto di risonanza. La situazione è avvincente perchè piena di bivi che devono essere affrontati in modo tempestivo.
Quale sarà l’effetto della mia prossima azione? Meglio uscire o rimanere all’interno? Lo spazio angusto del supermercato si estende attraverso le paure e le peculiarità dei personaggi, che in preda al terrore atavico di veder scomparire la propria specie, agiscono in modo impulsivo e determinato, con gli occhi sbarrati dalla disperata risolutezza degli atti.
Nessuno è protetto, tutti possono essere vittime sacrificali: vengono messi in discussione la fede e la religione, nella rivelazione di un egoismo mostruoso che a tratti ci farebbe spingere tra le fauci dei mostri; l’ignoto e l’invincibile sono infatti preferibili alla voracità ingorda e schietta delle nostre umanissime debolezze, contro le quali possiamo poco o niente.
Il regista, Frank Darabonte dopo i successi de Le ali della libertà (1994) e Il Miglio Verde (1999) segna un altro centro, riuscendo a creare una grande atmosfera, in cui imperversano creature dalla natura aggressiva e incomprensibile, che si azzannano tra di loro, in una pressione dell’acceleratore nella macchina dell’evoluzione, in modo tale da creare orrori sempre nuovi e spaventosi. Gustosi i riferimenti a Lovecraft, in un turbinio di tentacoli dalle oscure origini, che si perde nella grandezza delle visioni di Dalì. Assolutamente imperdibile.

 

The mist Cover DVD

The mist Cover DVD
The mist Cover DVD
The mist Cover DVD
The mist Cover DVD

The mist Soundtracks List - Tracklist

The mist Soundtracks Cover CD
The mist Soundtracks Cover CD
  1. Won't Somebody See a Lady Home?
  2. Tentacles
  3. Bugs
  4. Mist
  5. Spiders
  6. Expiation
  7. "The Host of Seraphim" - Dead Can Dance
  8. The Vicious Blues (from Mrs. Parker and the Vicious Circle)
2
2
sito ufologico