New entry

Links
Links
Links
Links
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Statistiche
Flag Counter
 


Il caso AMICIZIA

Il caso "AmicizIa" - Locandina del documentario
Il caso "AmicizIa" - Locandina del documentario

Intorno alla metà del secolo scorso, in tutto il mondo prese ufficialmente piede il fenomeno dei "dischi volanti", quelli che sarebbero poi entrati a far parte dell'immaginario collettivo col termine di "UFO", acronimo inglese Unidentified Flying Object per Oggetti Volanti Non Identificati OVNI in italiano. Parallelamente a coloro che avevano osservato e talvolta documentato strani fenomeni aerei nei cieli, cominciarono a farsi avanti numerosi individui che affermavano di essere entrati in contatto con gli occupanti di questi misteriosi velivoli.
Sinora questo genere di "contattismo" non aveva mai goduto di gran credito, anche perché si riteneva confinato ad esperienze prettamente individua­li e quindi difficilmente verificabili.


Contattismi di massa di Stefano Breccia
Contattismi di massa di Stefano Breccia
Contattismi di massa di Stefano Breccia
Contattismi di massa di Stefano Breccia

Questo libro apre degli scenari del tutto inusitati, documentando come in realtà vi siano stati interi gruppi di per­sone che per prolungati periodi di tempo hanno direttamente interagito con presunte entità extraterrestri sul nostro pianeta.

Si tratta di due gruppi contrapposti di Alieni, situati vicino alla costa adriatica vicino Pescara, che si mescolavano tra i residenti e soprattutto che hanno comunicato con alcuni importanti personaggi politici nel 1956.

La loro collaborazione contattista era un uomo di nome Bruno Sammaciccia, una figura credibile che ha tenuto 4 gradi universitari tra i quali la psicologia e la psichiatria e abbastanza sorprendentemente fu nominato uomo dell'anno dall'UNESCO nel 1982 per il suo background culturale. E 'stato inizialmente contattato telepaticamente da questi molto alti ( 8 piedi ) alieni umanoidi, che a loro dire, avevano una base nel mare Adriatico. Nel capitolo intitolato "Amicizia" alla fine del libro, che parla delle loro abitudini, le intenzioni e la loro interazioni con gli esseri umani, tra di loro,spiccano figure prestigiose come il cardinale brasiliano, un famoso pittore, un generale dei carabinieri, ma in particolare, hanno contattato il molto noto ( Console Italiano ) Console Perego, che ebbe l'avvistamento sopra San Pietro il 1° Dicembre 1953 e che ha parlò di UFO a molti funzionari italiani negli anni 50.

Contattato telepaticamente era anche, il giornalista / fotografo Bruno Ghibaudi che ha preso le sorprendenti foto di queste imbarcazioni distinte che escono dall'acqua vicino Pescara, sulla costa adriatica. Il libro contiene molte foto di questo più i dignitari citati più un foto di un 8 piedi alieno alto che ha detto che era parte di una confederazione di una galassia "blu", che significa probabilmente una nebulosa blu. Un messaggio dato al Pianeta Terra è stato "più vita extraterrestre era umanoide in natura"! Sembrano come noi!

Casella di testo: Oltre a fornire informazioni inedite sul celeberrimo "Caso Ummo", rac­contato qui come nessun'altra pubblicazione in italiano aveva mai fatto prima, questo straordinario volume rivela per la prima volta l'esistenza di "Amicizia" e le incredibili vicende vissute da un gran numero di persone, principalmente in Italia ma anche in Svizzera, Austria, Germania, Francia, Unione Sovietica, Australia e Argentina, direttamente coinvolte in ques­ta gigantesca operazione di interscambio tra gente della Terra e razze aliene.

I fatti qui riportati si estendono in particolare lungo un periodo che va dal 1956 al 1978, anno in cui l'Italia fu protagonista di una massiccia serie di avvistamenti UFO e di sconvolgenti e sinora inspiegati fenomeni nel mare Adriatico, che all'epoca sembra ospitasse nei suoi fondali una gigan­tesca base allestita da un gruppo di razze extraterrestri particolarmente benevole nei nostri confronti e in lotta con altre fazioni animate da intenti apparentemente negativi.
Le informazioni presentate in quest'opera sono a dir poco straordinarie e aprono un capitolo completamente nuovo nel panorama ufologico in­ternazionale, suggerendo con la forza dei fatti come alcune frange di umanità terrestre abbiano interagito con razze provenienti da altri sistemi stellari per la realizzazione di un disegno evolutivo, le cui finalità ora cominciano lentamente a delinearsi.

Il caso AMICIZIA intro

 

Chi ce lo racconta è Bruno Sammaciccia , che ha avuto contatti con loro per anni.

 

*Al fondo potrete leggere un messaggio che Bruno lascia ai suoi lettori. 

Tutto ha inizio nel 1956 e del racconto di Bruno viene tratto solo una sintesi, il resto, essendo lungo, si rimanda alla lettura del libro qui sopra presentato.
Si tratta di persone abruzzesi, più precisamente di Pescara, Chieti, Montesilvano e uno di Sulmona ecc., che sono state contattate, tutte insieme, da altre persone identiche a noi, ma di statura leggermente diversa ( dai 60 cm ai 3,5 metri di altezza ) che non sono di origine terrestre.
I contatti sono durati circa 22 anni, non un giorno.
Questi amici, tra cui Bruno Sammaciccia di Montesilvano, sono tutte persone con una elevatissima cultura, con più  lauree, in varie branche della scienza e tecnica.

Essi hanno ricevuto certamente un bene con questa amicizia.
Infatti, questa storia, chiamata AMICIZIA, è uscita allo scoperto solo dopo 40 anni dalla sua nascita, nel 1956.

Bruno è deceduto nel 2003

**Il messaggio di Hans ai lettori ( Hans è uno di Amicizia, ma la sua storia si è svolta in terra tedesca ).

I contatti sono "tutt'ora in corso", ma con altre persone e sempre abruzzesi. Ovviamente è bene precisare che questi W56 hanno contatti con persone di tutti i continenti, non solo con l'Italia, ma con la Francia, Germania, Russia, Cina, Medio oriente ecc. Sono in mezzo a noi, quelli che non danno troppo all'occhio per la loro altezza, ovviamente, ma noi non ce accorgiamo, non ce ne possiamo accorgere sono parte di noi, da decine di millenni.
Qualcuno però li ha visti in giro nel lungomare di Pescara, di notte, 2 w56 alti più di 2 metri e 50 cm. e a Roma, nei paraggi della stazione Tiburtina, uno alto 2.5 metri circa che camminava dalla stazione verso il terminal degli autobus.
Probabilmente, non sono mai andati via del tutto, ma ora sono di nuovo qui e danno continuamente segnali della loro presenza ai loro prescelti, sì, perché sono loro che scelgono gli elementi da contattare successivamente e dipende tutto da loro.

Il caso AMICIZIA

**Il Messaggio di Hans 

 

Quando l'amico Stefano mi ha comunicato la decisione di Bruno Sammaciccia di scrivere parte delle sue memorie, ho deciso di collaborare, aggiungendo le mie esperienze alle sue, anche se non lo avevo mai conosciuto, se non di nome ( ci siamo incontrati solo a valle dell'operazione ).
Sono ovviamente grato a Stefano per il suo lavoro di coordinazione e di completamento. Leggendo le note di Bruno, e confrontando i suoi racconti con le mie esperienze, devo dire che dalle mie parti gli Amici ci hanno fatto vivere esperienze più orientate alla tecnica di quanto traspare sia accaduto in Italia. Come Stefano, sono un ingegnere, ed ho lavorato nel campo delle telecomunicazioni ( è a seguito di questa attività che l'ho conosciuto ), e quindi, credo di avere tratto profitto da quanto gli Amici mi hanno raccontato sulla loro tecnologia.

Una importante invenzione nel campo delle TLC è stata certamente ispirata dagli Amici ( per ovvi motivi, non posso citare di che cosa si tratti ).
Ora che l'ho conosciuto di persona, posso confermare che Bruno è una persona squisita, dalla profonda cultura nei settori dell'etica e delle religioni. Lui sapeva ben poco di quanto stava accadendo al di fuori della sua nazione, per cui, ha letto con interesse le mie osservazioni; il nostro incontro è stato quindi una sessione di domande e risposte a 3 voci, e Stefano ha opportunamente inserito nel testo quanto è emerso in quella occasione. Purtroppo, non capisco l'italiano, quindi non ho potuto leggere l'ultima versione del testo, ma solo la prima, quella in inglese.
Anche nella mia nazione c'è stata la sensazione che stesse accadendo qualche cosa di grandioso, ma anche noi tedeschi di Amicizia abbiamo fatto in modo che ben poco trapelasse al di fuori della nostra cerchia, a parte qualche articolo scritto in forma dubitativa.
In Germania c'era stato detto che l'Italia sarebbe dovuta divenire la nazione leader in questo settore, proprio grazie al centro studi che Bruno stava costruendo, ma quando le cose sono andate a rotoli, da quelle parti c'è stato un profondo sentimento di scoramento e di disperazione direi. Gli Amici ci hanno detto che si imponeva una pausa di riflessione, ma ci diedero un appuntamento per i primi anni del nuovo secolo. Sino ad ora, però, non si sono ancora rifatti vivi.
Naturalmente, eravamo a conoscenza di cose analoghe in altre nazioni europee, anche se ben di rado abbiamo avuto contatti con gli stranieri coinvolti nella vicenda. Anche qui, ormai, pochi sono ancora in vita, quindi, condivido la decisione di Bruno di lasciare queste memorie per il futuro, spero per quando i nostri Amici ritorneranno, se vorranno farlo. A differenza di lui, però, preferisco mantenere l'anonimato, quindi ho chiesto a Stefano di non inserire un mio curriculum nel testo, anche s'è abbastanza simile al suo ( ho avuto meno esperienze internazionali, ma il settore di lavoro era analogo ).
Invito a mia volta il lettore a leggere con interesse quanto segue, anche perché, spero, che un giorno certe esperienze potrebbero anche essere sue.

Hans
Chieti, maggio 2000

Caso AMICIZIA parla un W56

Una chiacchierata con Gaspare e Prem

*Il messaggio di Bruno 

 

Cari amici, leggete questo libro con attenzione, perché è l'indizio dell'esistenza di una salvezza, sia da un punto di vista spirituale che umano.
Sono molto religioso, benché non fanatico, ho studiato praticamente tutte le religioni, anche quelle primitive, e posso dire che il senso religioso umano è un mezzo di salvezza; sono cattolico, ma apprezzo anche le altre religioni: quando uno prega Dio onnipotente, sta commettendo una buona azione, qualunque sia il nome con cui lo chiama. Spesso vivo fra i miei cari frati francescani, perché sento che frate Francesco è uno dei migliori esempi di misticismo, di negazione del sé, di profonda saggezza, pur non essendo stato una persona dotta, un esempio di bontà e di amore e lo ha mostrato nella sua vita e nel suo corpo fino all'ultimo momento. Questo è il motivo per cui io amo frate Francesco, i francescani, ma amo anche tutti i frati, i quali, nel loro silenzio, fanno molto più bene di quanto altri fanno all'aperto.
Per quanto concerne questo libro, leggetelo con attenzione; per un momento dimenticate ciò che avete conosciuto fino ad ora, ciò che dicono gli imbecilli, gli ignoranti ed i mentitori, perché le loro affermazioni sono piuttosto di ostacolo, e per favore, concentratevi su ciò che viene raccontato.
Questo è quanto speravo di ottenere scrivendo questo libro.
 
Bruno Sammaciccia

L'uomo che ha incontrato e vissuto per 22 anni, dal 1956 al 1978, con  i W56.

Chieti, maggio 2000

Mass Contacts

Cliccando sul libro qui sotto riportato ( la versione americana ) Mass Contacts, potrete leggere l'intervista realizzata da Paola Harris a Stefano Breccia, con molte foto che analizzano quanto descritto nel libro.


Mass Contacts di Stefano Breccia
Mass Contacts di Stefano Breccia
Mass Contacts di Stefano Breccia
Mass Contacts di Stefano Breccia

Il caso AMICIZIA capitolo 2

Il secondo libro sul caso Amicizia esce nel 2013 a doppia firma, quella di Breccia e quella del curatore, lo scrittore australiano Warren P. Aston, al quale era pervenuto il manoscritto prima della scomparsa dell’ingegnere Breccia. Si intitola “Fifty Years of Amicizia” e lo pubblica la Author House.
Che il libro, ancor prima di trovare un editore in Italia, finisse all’estero, potrebbe rientrare nella logica di una diffusione che avesse escluso il nostro Paese per non creare problemi a un Autore che già con "Contattismi di massa" aveva sollevato un bel polverone. Nel corso di nostre conversazioni telefoniche, Breccia non aveva nascosto il proprio timore a mantenere per sempre un profilo basso in tutta la questione. Come compendiare dunque, tale prudenza, con la pubblicazione di un secondo libro? Affidandolo ad un agente esterno.

Il che è puntualmente avvenuto. Sui contenuti, molto veniva anticipato dallo stesso Warren Aston in un articolo apparso sul sito beforeitsnews.com il 20 Luglio 2013. Non una grande novità, la prefazione di Pinotti, nuovi i contributi di Connie Menger ( moglie del contattista americano Howard Menger ) e di alcuni esponenti del CUN ( Centro Ufologico Nazionale ), mentre il ricercatore e saggista Ivan Ceci proponeva un’articolata disamina del volume ( 244 pagine corredate da fotografie ) descrivendolo come una riedizione, ampiamente rimaneggiata, ma che poco aggiungeva alla precedente.


50 years of AMICIZIA  di Stefano Breccia
50 years of AMICIZIA di Stefano Breccia
50 years of AMICIZIA  di Stefano Breccia
50 years of AMICIZIA di Stefano Breccia

Conferenza sul caso AMICIZIA

Conferenza di Ivan Ceci agli Altipiani di Arcinazzo
Conferenza di Ivan Ceci agli Altipiani di Arcinazzo

Il video integrale della conferenza sul caso “Amicizia” tenuta agli Altipiani di Arcinazzo il 20 agosto 2014.

Clicca sulla locandina per vedere la conferenza.

Un'altra campana sul caso AMICIZIA

Tratto dal quotidiano IL CENTRO  del 06/11/1997
Tratto dal quotidiano IL CENTRO del 06/11/1997

Per dovere di cronaca, credo sia giusto farvi sentire anche un'altra campana e cioè, la smentita.

Qui potrete leggere tutta la vicenda.

 

Clicca >>> QUI <<<

 

2
2
sito ufologico