New Libro

SerieTV

Links
Links
Links
Links
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Statistiche
Flag Counter
 


Uomini ombra - The shadow people

Uomini ombra - The shadow people
Uomini ombra - The shadow people

Vi è mai capitato di svegliarvi nel bel mezzo della notte e sentire la presenza di qualcuno? O vedere un’ombra di cui si percepisce la consistenza? Oppure, vederla accanto al vostro letto come se vi guardasse ? E ancora, vederla passare per i corridoi di casa?. E' successo? Secondo molti, la risposta è si.

E una volta vista, si è allontanata scivolando come una normalissima ombra proiettata su un muro. Ma era davvero solo un ombra ? Proviamo a capirci qualcosa di più.

 

Riportiamo qui di seguito, un'intervista di Lavinia Pallotta al ricercatore americano, Jason Offutt.

 

Interview
Interview

Su X Times dell’ottobre 2009 pubblicai un’intervista a un bravo

ricercatore americano, Jason Offutt, sul fenomeno Shadow People, il popolo ombra. Si tratta di un argomento poco dibattuto in Italia, che però, quandò uscì, suscitò molto interesse e alcuni testimoni mi contattarono per raccontarmi le loro esperienze. Ultimamente diverse persone mi hanno domandato informazioni a riguardo, così ho pensato fosse cosa utile riportare l’articolo apparso sulla rivista.


Jason Offutt
Jason Offutt

Gli Uomini Ombra

 

Secondo chi li ha visti sono più neri della notte, sembrano nutrirsi della nostra paura e appartenere ad altre realtà. Presenze sinistre, a volte indifferenti, a volte minacciose, potrebbero popolare dimensioni a noi sconosciute.

 

Esistono testimoni di esperienze di cui ben pochi ricercatori ( anche di confine ) desiderano occuparsi, perché sembrano evadere da qualsiasi classificazione. Eventi che sfuggono alla logica di identificazione della nostra realtà e che spesso vengono accantonati come incubi, o nevrosi.

Tuttavia, i racconti sono troppi per poterne decretare, in onestà, l’inconsistenza e sono abbastanza particolareggiati da aver creato una letteratura specializzata in un ambito di studio ben preciso. Chi vi si dedica deve avere una preparazione multidisciplinare, essere aperto ai diversi campi del sapere e credere nell’”impossibile”. Jason Offutt, giornalista e scrittore americano, è forse il nome più noto, e più attivo in questo campo. Ha raccolto centinaia di resoconti e vissuto in prima persona alcune esperienze che non ha timore di raccontare. Lo abbiamo contattato per chiedere a lui di parlarci degli Shadow People, gli Uomini Ombra.

 

 

Lavinia Pallotta: Cosa si intende per “Shadow People” e di che tipo di fenomeno si tratta?

Jason Offutt: «Il termine “Shadow People” fa riferimento all’apparizione di ciò che io ritengo essere diversi tipi di entità. Secondo tutte le testimonianza, gli Shadow People sono “più neri della notte, ombre di forma umana generalmente bi-dimensionali”. Il loro comportamento tanto diverso mi porta a credere che non si tratti sempre dello stesso tipo di entità. Gli Shadow People vengono visti in qualsiasi momento del giorno, in qualsiasi località e paese. Mi sono giunti resoconti dal Nordamerica, dal Sud Africa e dall’Australia».

L.P.: Ho letto che hai avuto esperienze personali. Puoi parlarcene?

J.O.: «Quando avevo circa 8 o 9 anni, vedevo queste entità uscire da un angolo della mia camera da letto, oltrepassare il letto e andare verso l’ingresso. Fortunatamente non sembrarono mai accorgersi di me, ma camminare da un punto A a un punto B e il mio letto era in qualche modo nel mezzo. La mia famiglia viveva in una zona rurale, e tenevamo le finestre aperte quando il tempo lo permetteva, così quando vedevo quelle entità, la stanza era ben illuminata.

Ho cercato spiegazioni terrestri per questi incubi ambulanti, ma non vi sono riuscito. Mi sono apparsi per circa un anno, anche se non tutte le notti. Per fortuna!».

 

Darkness Walks - The Shadow People Among Us by Jason Offutt
Darkness Walks - The Shadow People Among Us by Jason Offutt
Darkness Walks - The Shadow People Among Us by Jason Offutt
Darkness Walks - The Shadow People Among Us by Jason Offutt

L.P.: Nel tuo libro, “Darkness Walks” scrivi che vi sono diversi tipi di manifestazione. Puoi descriverne il comportamento, secondo le tue conoscenze?

J.O.: «Dalla mia ricerca ho potuto suddividere gli Shadow People nelle seguenti categorie:

  • Ombre Benigne ( Benign Shadow ): Queste ombre non interagiscono con le persone che le vedono, né sembrano consapevoli della loro presenza.


  • Ombre Negative ( Negative Shadow ): Sembrano spiare le persone. Coloro che le vedono raccontano di “sentire” qualcosa di sinistro provenire da loro.


  • Ombre dagli Occhi Rossi ( Red Eyed Shadow ): Con queste entità, la sensazione che vi sia qualcosa di sinistro è dieci volte più forte. Spesso i testimoni hanno la sensazione che queste ombre si nutrano della paura che incutono nelle persone. La caratteristica che le contraddistingue rispetto agli altri Shadow People sono i loro accesi occhi rossi.


  • Ombre Incappucciate, Arrabbiate ( Angry, Hooded Shadow ): Sono sempre ombre negative, ma sembrano indossare un cappuccio da monaco. Spesso hanno gli occhi rossi e danno l’impressione di nutrirsi di paura.


  • L’Uomo con il Cappello ( The Hat Man ): Questa entità può essere benigna, negativa o avere gli occhi rossi. La sua caratteristica principale è che sembra indossare una fedora (cappello di feltro basso, ndr) e a volte un mantello.


  • L’Ombra Ronzante ( Buzzing Shadow ): È una delle tipologie più rare, accompagnata da un ronzio elettronico. Le persone che ne hanno fatto esperienza hanno avuto la sensazione che quel suono sia il loro modo di comunicare.


  • Ombre Animali ( Shadow Animals ): Sebbene i più frequenti siano i gatti ombra ( a volte giocherelloni, a volte arrabbiati ), le più spaventose tra queste bestie sono grandi cani con luccicanti occhi rossi».

L.P.: Quali sono le possibili spiegazioni per questo fenomeno? Pensi che potrebbe avere più di una sola origine?

J.O.: «Ritengo che queste entità siano più di una cosa sola. Alcune si comportano come nei tipici racconti di fantasmi; altre sono di natura più demoniaca. Le spiegazioni includono i fantasmi, i demoni, i jinn, gli spiriti che passano da un piano ad un altro, i viaggiatori interdimensionali, i viaggiatori temporali, gli extraterrestri, i presagi di morte e le proiezioni astrali.

Io direi che sono tutto questo e anche di più».

L.P.: Puoi descrivere 1 o 2 dei casi più significativi?

J.O.: «2 casi che mi vengono subito in mente riguardano dei testimoni che videro degli Uomini Ombra mentre erano svegli. Molti incontri con Shadow People, come gli incontri con fantasmi, extraterrestri, ecc., possono essere spiegati con il fenomeno della paralisi del sonno. Quando ci destiamo da uno stato REM, possiamo diventare consapevoli del mondo fisico attorno a noi, ma incorporare ancora elementi onirici in questo mondo fisico. Questo, aggiunto al fatto che sappiamo di essere svegli, ma non possiamo muoverci, la fa diventare un’esperienza piuttosto terrificante. Il fatto che queste 2 persone non si trovavano sicuramente in uno stato di paralisi del sonno ( Nel mio libro ho cercato di eliminare gli incontri in stato di paralisi notturna ), li rende estremamente significativi. Nel primo, una donna stava guardando la televisione durante il giorno. Quando il programma si interruppe per la pubblicità e lo schermo diventò scuro per qualche secondo, lei vide il riflesso di un Uomo Ombra. Nell’indagare la provenienza del riflesso, vide un Uomo Ombra in piedi vicino ad un lampione – in piena luce del sole. Nessuno in strada sembrò notarlo, ma lei disse che sembrava guardare la casa dalla sua postazione.

Dopo un po’, l’Uomo Ombra se ne andò camminando.

Il giorno seguente, la donna morì. Sebbene gran parte degli incontri con Shadow People non coinvolgano decessi imminenti, questo accade con sufficiente frequenza da renderlo degno di nota. Nel secondo caso, una ragazza di Londra veniva terrorizzata da un Uomo Ombra nella camera da letto dei suoi genitori, in cui entrava raramente. A volte, sua madre le chiedeva di andare a prendere qualcosa nella stanza, e quando lei lo faceva, l’Uomo Ombra si manifestava.

Da principio lo udiva, una specie di battito cardiaco che aumentava finché non appariva. Lei allora si rannicchiava per terra in posizione fetale e pregava che andasse via.

Questo durava per un po’, o fino a quando qualcuno non andava a cercarla, e l’ombra svaniva. L’ultima volta che lo vide, la sua famiglia stava pranzando al piano di sotto, quando lei dovette andare di sopra in bagno. Raggiunta la cima delle scale, che era vicino alla porta della camera da letto dei suoi, udì il battito cardiaco. Poi sentì che qualcosa le afferrava le caviglie e cercava di trascinarla nella camera.

Gridò ma nessuno la sentì; prese a calci la cosa e si attaccò alle scale. Ad un certo punto si trovò con il corpo orizzontale rispetto al suolo, mentre si teneva stretta per salvarsi la vita. Alla fine, l’entità lasciò la presa e lei ruzzolò giù per le scale. Non l’ha più rivista ed è convinta che sia perché quel giorno l’ha sconfitta».

Uomo ombra
Uomo ombra

L.P.: Si tratta di un fenomeno moderno o troviamo qualcosa di simile anche in antiche tradizioni?

J.O.: «Sebbene il termine “Shadow People” sia relativamente nuovo, gli Shadow People non lo sono. Durante le mie ricerche ho trovato esseri che corrispondono alla descrizione di Shadow People nel Cristianesimo ( i demoni ), nell’Induismo ( spiriti che viaggiano da un piano ad un altro ), nell’Islam ( i jinn ), nel Buddismo ( entità oscure che le persone da me intervistate hanno ammesso esistere ma, allo stesso tempo, hanno rifiutato categoricamente di parlarne ), e nello sciamanesimo degli Indiani d’America ( gli uomini medicina che hanno fatto cattivo uso dei loro poteri si sono trasformati in qualcosa di meno che umano ). Quindi sì, le diverse entità che compongono gli Shadow People “sono in giro” da molto, molto tempo».

L.P.: Nel tuo libro scrivi: “Gli Shadow People esistono. Queste entità camminano davvero nella nostra realtà e interagiscono con noi”. Di che tipo di interazione si tratta?

J.O.: «Le interazioni ( non includo gli incontri benigni perché in questo caso non vi è interazione ) sono quasi sempre negative. Variano dallo stare semplicemente in piedi vicino a un letto, a una porta, a un’entrata osservando le persone, al toccare o fare violenza fisica e psicologica. Una donna con cui ho parlato in Australia mi disse che un Uomo Ombra tentò di violentarla».

L.P.: Alcune persone possono percepire queste entità e altre no. Perché, secondo te?

J.O.: «Per la stessa ragione per cui 10 persone che vedono lo stesso veicolo casualmente raccontano una storia diversa su ciò che è accaduto. 2 persone non vedono la stessa cosa nello stesso modo. Se ti accorgi di un Uomo Ombra all’angolo di una strada, durante una passeggiata, l’amico di fianco a te potrebbe invece non prestarvi attenzione. Questa, forse, è una ragione per cui molte persone non vedono gli Shadow People – siamo programmati per non farlo. Alcune persone mi hanno detto queste entità sembravano sorprese nell’accorgersi di essere notate. Ma è solo uno degli aspetti.

Dai resoconti di Shadow People che ho raccolto, devo pensare che alcuni di loro ( soprattutto quelli che sembrano nutrirsi della nostra paura ) ti permettano di vederli. Potrebbero camminare tranquillamente vicino a te proprio adesso, mentre stai leggendo questo articolo…»

 

Fonte

Il mistero degli uomini di ombra
Gli Umanoidi ombra sono un tipo di fenomeno soprannaturale. Le descrizioni dei testimoni oculari sugli umanoidi ombra sono alquanto consistenti. Sono descritti vagamente come umanoidi con mancanza di particolari, come bocca, occhi etc e completamente neri con poca o nessuna massa, e si
smaterializzano passando attraverso i muri...
Il mistero degli uomini di ombra.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'008.4 KB
2
2
sito ufologico