New Libro

SerieTV

Links
Links
Links
Links
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Statistiche
Flag Counter
 


Clipeologia

La clipeologia o paleoufologia è la branca dell'ufologia che si occupa di presunti contatti con oggetti volanti non identificati che sarebbero avvenuti nel passato, anche remoto, dell'umanità. Al pari dell'ufologia, la clipeologia è una pseudoscienza e le sue affermazioni non hanno valore scientifico.

Flying Saucers by Donald H. Menzel
Flying Saucers by Donald H. Menzel

Origine


Nel suo libro del 1953 intitolato Flying Saucers, l'astronomo e scettico Donald Menzel riportò uno strano fenomeno raccontato da Plinio il Vecchio e lo spiegò come un fenomeno naturale; in seguito a ciò, alcuni studiosi e appassionati di UFO hanno cominciato a ricercare nei testi di autori antichi i racconti di strane apparizioni nei cieli, compilando liste di tali fenomeni e ritenendoli simili, spesso acriticamente, ai moderni UFO.
Il termine clipeologia fu coniato nel 1959 dall'italiano Umberto Corazzi, che lo fece derivare dalla parola "clypeus", nome dello scudo dei legionari dell'Antica Roma, in riferimento ai racconti di apparizioni di "clypei ardentes" ( scudi di fuoco ) riferiti da vari autori latini. In Italia le idee inerenti alla clipeologia vennero diffuse dalla rivista Clypeus, fondata a Torino nel 1964 dal giornalista Gianni Settimo mentre al di fuori dell'Italia il termine clipeologia non ebbe fortuna e si preferì quello di paleoufologia.
Tra i principali sostenitori di queste teorie vi sono gli italiani Gianni Settimo e Solas Boncompagni, i britannici Raymond W. Drake e Desmond Leslie e lo statunitense Harold T. Wilkins.

Campo di interesse

La clipeologia afferma che il fenomeno dei presunti avvistamenti di UFO non sarebbe esclusivo dell'epoca contemporanea, ma che oggetti sconosciuti sarebbero stati testimoniati in cielo anche in passato, e che tali testimonianze sarebbero assimilabili a quelle contemporanee. Oggetto di interesse dei clipeologi sono le opere letterarie ed artistiche del passato come testi sacri, cronache, diari di viaggio, libri di bordo, dipinti, ecc., nell'ambito dei quali affermano di identificare presunte testimonianze di avvistamenti UFO.
La clipeologia si differenzia dall'archeologia spaziale, corrente dell'archeologia misteriosa, perché quest'ultima è orientata a ricercare le tracce della presunta presenza di visitatori extraterrestri in epoca preistorica e protostorica nei reperti archeologici; le 2 discipline vengono tuttavia ritenute complementari. Si differenzia inoltre dalla teoria degli antichi astronauti perché quest'ultima non si limita a supporre che siano avvenuti avvistamenti di UFO nei secoli passati, ma ritiene che alcuni popoli antichi abbiano avuto contatti con visitatori extraterrestri e che questi abbiano influenzato lo sviluppo della civiltà umana.
Il limite temporale della clipeologia non è chiaramente definito: secondo alcuni autori, dovrebbe terminare nel giugno del 1947, data in cui è iniziata l'ufologia a seguito dell'avvistamento di Kenneth Arnold; secondo altri autori dovrebbe invece terminare con la Prima guerra mondiale, periodo in cui l'aereo cominciò a diffondersi, mentre secondo altri dovrebbe terminare quando cominciano ad essere disponibili fonti giornalistiche, cioè nell'Ottocento.

Riferimenti nella letteratura

Secondo i sostenitori delle teorie clipeologiche, nella letteratura antica vi sarebbero numerose segnalazioni di oggetti volanti che si muovevano nel cielo. Spesso tali fenomeni sono stati attribuiti a divinità o entità soprannaturali, ma in altri casi, come nelle cronache o in altri testi storici, gli autori avrebbero cercato di descrivere ciò che vedevano senza confonderlo con immagini mitiche o religiose.
Diodoro Siculo ha raccontato che nell'Antica Grecia il condottiero Timoleone avvistò una torcia volante durante un viaggio in mare tra la Grecia e la Sicilia.
Nell'Antica Roma, autori come Plinio il Vecchio, Tito Livio e Giulio Ossequente hanno raccontato l'apparizione nel cielo di torce, fiaccole e scudi ardenti e riferito anche l'apparizione di 2 soli o 2 lune, mentre Seneca nelle Naturales quaestiones ha riferito dell'apparizione di travi luminose; Cicerone, nel De divinatione, ha riferito anche di un'apparizione del sole di notte.
Anche nelle cronache del Medioevo si trovano riferimenti a scudi ardenti, come quelli comparsi in cielo a Sigiburg nel 776 e descritti negli Annales Laurissenses, all'epoca di Carlo Magno, ma anche a croci luminose, come quella comparsa a Firenze nel 1301 e descritta dallo storico Dino Compagni nella Cronica delle cose occorrenti ne' tempi suoi.
Nel Rinascimento vi sono riferimenti a travi volanti infuocate, come quella segnalata da Leone Cobelli nel 1487 a Forlì e quella segnalata da Benvenuto Cellini vicino Firenze intorno al 1550. Le cronache del Cinquecento hanno tramandato 2 famosi eventi, il Fenomeno celeste di Norimberga del 1561 e il Fenomeno celeste di Basilea del 1566.
Nel 1680 il cronista Erasmus Francisci nel libro Der Wunder ha riferito di avvistamenti di navi volanti avvenuti nei paesi del Nord Europa sul Mar Baltico nella seconda metà dei Seicento e in un caso avvenuto nel 1665 sarebbe apparso tra le navi un oggetto circolare avente la forma di "un cappello da prete"

Riferimenti nella pittura italiana

Secondo alcuni ufologi, una delle possibili testimonianze del possibile passaggio di UFO in passato sull'Italia verrebbe dalla dall'arte del XIV-XVI secolo. Infatti, secondo i sostenitori di tali teorie, alcuni dipinti sembrerebbero raffigurare corpi volanti le cui caratteristiche ricorderebbero da vicino quelle descritti dai testimoni di presunti avvistamenti o dai cosiddetti contattisti. Gli storici dell'arte forniscono per tali presunti UFO interpretazioni tradizionali.
Tra i principali vanno ricordate: la Madonna con Bambino e San Giovannino esposta nella "Sala di Ercole" di Palazzo Vecchio a Firenze, in cui pare apparire un oggetto somigliante ad una nave volante; la Tebaide di Paolo Uccello, per la presenza di un oggetto volante "a cappello da prete"; la Glorificazione dell'Eucarestia di Ventura Salimbeni, dove sembra essere rappresentato un globo simile ad un moderno satellite; la Natività di Pinturicchio a Spello dove appare un globo luminoso dall'aspetto metallico; la Madonna di Foligno di Raffaello dove compare un grosso corpo luminoso che cade sul tetto di un edificio.

 

Criteri e spiegazioni scientifiche

La clipeologia è una teoria che non ha nessun riscontro scientifico, dunque incontra l'opposizione degli scettici, ma anche tra gli ufologi si ammette che le presunte manifestazioni di UFO nel passato non possono essere provate con certezza. Il linguaggio usato dagli autori antichi è infatti pre-scientifico e le metafore usate nelle descrizioni derivano spesso dal mondo agricolo. A volte inoltre non è chiaro se l'autore stia descrivendo il fenomeno in modo neutrale o lo stia interpretando. Inoltre è stato obiettato che la descrizione dei fenomeni celesti viene effettuata secondo il moderno metodo scientifico a partire dal Settecento.

Per tali motivi, le interpretazioni dei clipeologi rimangono incerte e a volte appaiono piuttosto forzate.
Un'interpretazione scientifica di questi eventi descritti dagli autori antichi non è agevole, tuttavia in certi casi, dalla descrizione dei fenomeni e dal reperimento in altre fonti della registrazione di fenomeni naturali coevi sia di natura terrestre ( terremoti, eventi meteorologici, ecc. ) che astronomica, è stato possibile ipotizzare spiegazioni scientifiche, come pareli, paraseleni, bolidi, stelle novae, aurore boreali e luci telluriche.

Riferimenti basati su fonti dubbie

A volte i clipeologi citano le fonti antiche in modo approssimativo, per cui risulta difficile effettuare i riscontri sulle fonti originali. Un esempio di ciò si ha a proposito dell'avvistamento di 2 scudi volanti da parte dell'esercito di Alessandro Magno nel 329 a.C. o nel 332 a.C.; l'episodio è citato in un libro dell'ufologo Frank Edwards, senza alcun riferimento alle fonti originali. L'ufologo Yannis Deliyannis ha riscontrato che l'episodio non appare né in Plutarco né in Arriano, i maggiori storici antichi di Alessandro, pertanto ha ipotizzato che la fonte sia da ricercarsi in un errore di traduzione di un passo di Quinto Curzio Rufo oppure nell'opera medievale Romanzo di Alessandro, che raccoglie anche episodi leggendari della vita del condottiero macedone.

Mistificazioni accertate

Alcune fonti storiche riportate da qualche clipeologo sono state successivamente accertate come false.

Tra le più note si ricordano le seguenti:

  1. Papiro Tulli: si tratta di un papiro egiziano scoperto nel 1934 dal professor Alberto Tulli, direttore del Pontificio Museo Egizio del Vaticano, che non potendolo acquistare lo ricopiò e lo fece tradurre; fu scoperto così che il testo parla dell'apparizione di cerchi di fuoco nel cielo dell'Antico Egitto. Negli anni novanta, un esame della traduzione da parte di esperti ha rivelato che si tratta di un falso.
  2. Avvistamento di Ampleforth: il clipeologo britannico Desmond Leslie ha riportato in un libro la notizia che un antico manoscritto racconta che nel 1290 i monaci dell'Abbazia di Ampleforth o Byland, situata in Inghilterra, videro in cielo un oggetto volante a forma di disco, di colore argenteo. Due studiosi, Christopher Evans e Samuel Rosenberg, hanno scoperto in seguito che si tratta di un falso realizzato da due studenti.
  3. Incidente di Alençon: il clipeologo italiano Alberto Fenoglio ha riportato in un articolo del 1966 che nel 1790 un oggetto volante circolare sarebbe apparso in Francia sopra la città di Alençon e si sarebbe schiantato al suolo, svanendo poi nel nulla, secondo un rapporto di polizia firmato dall'ispettore Liabeuf. Un'indagine condotta dall'ufologa belga Christane Piens ha dimostrato nel 1977 che si tratta di un falso, in quanto negli archivi di polizia francesi non c'è traccia del rapporto ed è stato accertato che non esisteva alcun ispettore che si chiamasse Liabeuf.

Bonaventura Salimbeni (1567-1613) Eucarestia

Bonaventura Salimbeni (1567-1613)  Eucarestia
Bonaventura Salimbeni (1567-1613) Eucarestia

Lo strano oggetto raffigurato nel dipinto del  Bonaventura Salimbeni, altro non è che un mappamondo, che dovrebbe raffigurare il Cosmo intero al cui interno, c’è  la nostra stella cioè il sole.
Il dipinto “Glorificazione dell’Eucarestia” di Bonaventura Salimbeni 1567-1613, conservato  a Montalcino - Siena presso la chiesa della SS. Trinità, rappresenta una strana sfera metallica con 2 specie di antenne.

Che cosa voleva effettivamente rappresentare l’artista?

Il quadro “Glorificazione dell’Eucarestia” fu dipinto da Bonaventura Salimbeni, uno dei più significativi maestri pittorici senesi della fine del XVI secolo. Il Salimbeni fu noto e apprezzato soprattutto negli ambienti ecclesiastici e per questo fu soprannominato il “Cavaliere Bevilacqua”, in onore dell’omonimo cardinale il quale gli concesse perfino il prestigioso cavalierato dell’ Ordine dello Speron d’Oro e la facoltà di fregiarsi del suo stesso cognome.

Il dipinto in questione rappresenta il Padre Eterno da un lato e il Cristo dall’altro; al centro, tra le 2 figure, spicca una grossa sfera di color grigio piombo, dall’aspetto metallico, con delle sporgenze che sembrano delle telecamere, più due lunghe antenne metalliche che le due figure tengono tra le mani.

Poi al di sopra della sfera, c’è una colomba simbolo di pace, che sovrasta l’intero dipinto. Ma in molti si sono domandati e si chiedono ancora: che cosa può essere quella sfera che somiglia e ricorda in modo veramente impressionante un satellite artificiale? E ancora, dove ha visto l’artista l’oggetto raffigurato nel quadro, e se non lo ha visto di persona, da chi o dove ha preso lo spunto per dipingere l’oggetto?

Alcune persone si sono interessate a questo enigma e, sarebbero arrivati alla possibilità che l’artista sia stato folgorato da una premonizione del futuro, lasciando ai posteri il disegno di un satellite tipo “Sputnik” sovietico o del satellite tipo “Vanguard” statunitense. Satelliti artificiali che sono stati realmente utilizzati per studiare lo spazio: lo “Sputnik”  fu iniziato ad essere lanciato nello spazio il 4 ottobre 1957 e il decimo della serie fu lanciato il 25 marzo 1961; mentre il “Vanguard” fu iniziato ad essere lanciato nello spazio il 17 marzo 1958 e continuarono il 17 febbraio e il 18 settembre 1959.

 

Carlo Crivelli (1430-1495) L'Annunciazione

Carlo Crivelli (1430-1495)  L'Annunciazione
Carlo Crivelli (1430-1495) L'Annunciazione

Qui sopra Particolare del dipinto di Carlo Crivelli ( 1430-1495 ) "L'Annunciazione". .. È ben visibile, in alto, l'oggetto di forma circolare dal quale fuoriesce un raggio luminoso attraversante una piccola apertura posta sulla costruzione visibile a destra.

In basso, al centro, è chiaramente visibile un uomo che similmente al dipinto conservato a Palazzo Vecchio ( Firenze ) si copre gli occhi a causa dell'intensa luminosità del fenomeno.


Aert De Gelder ( 1700 ) Battesimo di Cristo

Aert De Gelder ( 1700 ) Battesimo di Cristo
Aert De Gelder ( 1700 ) Battesimo di Cristo

Nel dipinto del pittore fiammingo Aert De Gelder, "Battesimo di Cristo" ( 1710 ), sono raffigurati Gesù e Giovanni Battista immersi in una luce proveniente da un disco lucente nel cielo. Se si tratta dello Spirito Santo, persona incorporea delle Trinità, perchè De Gelder ha voluto renderlo così materiale?

Alcuni pensano che il pittore fiammingo abbia dipinto un oggetto volante visto con i suoi stessi occhi, altri sospettano che De Gelder non abbia mai visto una nave aliena, ma che si sia ispirato ad una lunga tradizione di dipinti extraterrestri nascosti dalla Chiesa.


Raffaello Sanzio ( 1511 - 1512 ) La Madonna di Foligno

Raffaello Sanzio ( 1511-1512 ) La Madonna di Foligno
Raffaello Sanzio ( 1511-1512 ) La Madonna di Foligno

"Madonna di Foligno"dipinta da Raffaello per ricordare un voto di ringraziamento di Sigismondo de' Conti.

La casa che il nobiluomo aveva in Foligno, colpita da un bolide o da un fulmine, era rimasta miracolosamente illesa.

L'avvenimento è stato riprodotto sul fondo del dipinto dietro le spalle del punto situato al centro dello stesso.

Si può notare un paesaggio sereno privo delle tipiche nuvole capaci di scatenare un temporale con fulmini o altre manifestazioni magnetiche. Il segno, dipinto in giallo ocra arancio dall'artista, che segna la traiettoria, non è una linea spezzata come a indicare un fulmine o la folgore, ma una curva decisa grigiastra che parte dall'alto e finisce sulla casa.

È resa bene l'idea della caduta libera di un oggetto luminoso dotato di un certo peso e di una non indifferente velocità, ed è logico pensare a un meteorite o un oggetto "non identificato".


Affresco del 400 visibile a Kiev

Affresco del 400 visibile a Kiev
Affresco del 400 visibile a Kiev

Anche questa immagine viene interpretata in senso ufologico in molti siti web, qui la versione a colori ripetuta da secoli in modi pressochè identici. «Affresco del 400 visibile a Kiev, ove è chiara la rappresentazione di Gesù dentro un razzo in movimento di ascesa, sorretto da 2 angeli in piedi su 2 nuvole che si muovono in sintonia verso l’alto, con tanto di scia a evidenziarne il movimento ascensionale.»
Sarebbe bastato aprire i Vangeli e leggere la descrizione di questa scena per capire il soggetto del disegno. Ecco la Trasfigurazione descritta nel vangelo secondo Marco:

«Dopo 6 giorni, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li portò sopra un monte alto, in un luogo appartato, loro soli. Si trasfigurò davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla Terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e discorrevano con Gesù. Prendendo allora la parola, Pietro disse a Gesù:
«Maestro, è bello per noi stare qui; facciamo 3 tende, una per te, una per Mosè e una per Elia!».

Non sapeva infatti che cosa dire, poiché erano stati presi dallo spavento. Poi si formò una nube che li avvolse nell'ombra e uscì una voce dalla nube:


«Questi è il Figlio mio prediletto; ascoltatelo!».


E subito guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo con loro. »

Tommaso di Cristoforo (1428 - 1429) Il miracolo della neve

Tommaso di Cristoforo ( 1428 - 1429 ) Il miracolo della neve
Tommaso di Cristoforo ( 1428 - 1429 ) Il miracolo della neve

"Il Miracolo della Neve" venne dipinto da Tommaso di Cristoforo Fini, detto Masolino da Panicale, su ordine del papa Martino V Colonna per la chiesa di Santa Maria Maggiore di Roma intorno al 1428. Faceva parte di un trittico a 2 facce e Vasari lo attribuì a Masaccio che invece realizzò solo uno dei pannelli laterali con i santi Girolamo e Battista. Questo è uno dei più citati "dipinti ufologici", già proposto a partire dai primi anni '70 come testimonianza di avvistamenti di oggetti volanti non identificati ( S. Boncompagni, Clypeus n.29, 1970; D. Bedini, Notiziario UFO n. 81, 1979; E. Massa, Il Giornale dei Misteri n. 107, 1980 ).


Il giornale dei misteri N. 107
Il giornale dei misteri N. 107

" ... abbiamo la rappresentazione visuale di uno stranissimo evento implicante Papa Liborio ( 352-366 A.D. ).

Secondo tale tradizione storica, in un sogno il Papa ebbe dagli Angeli l'ordine di costruire a Roma una nuova chiesa nel luogo esatto dove una nevicata miracolosa si sarebbe manifestata. Il giorno dopo, una strana sostanza simile a neve cadde dal cielo contro qualsiasi previsione meteorologica, in una calda giornata d'agosto. Il fenomeno fu limitato alla sola zona di Roma in cui venne poi edificata la basilica di S. Maria Maggiore. (...) Quale fu la causa di questa nevicata "impossibile"? Masolino da Panicale, nella sua pittura, rappresenta una scena dettagliata dell'evento, con la neve che cade da una "nuvola" grossa e allungata, grigiastra e a forma di sigaro, sotto la quale sono visibili delle nuvole più piccole. Un'attenta osservazione di queste ultime, peraltro, mostra che non sembrano nubi normali. Esse sono infatti tutte chiaramente delineate nei loro contorni e tutt'altro che vaporose, e sono poi rappresentate a due a due e in maniera identica con illuminata solo la parte superiore, con la maggior parte dei "dischi diurni" muniti di cupola." ( R. Pinotti )

In questo testo si accenna a una "strana sostanza simile a neve", ma nella leggenda originale si parla solo di "neve" che sarebbe miracolosamente caduta a Roma nell' agosto nell'anno 352.
Secondo la leggenda, narrata dal frate Bartolomeo da Trento nella prima metà del XIII secolo nel Liber epilogorum in gesta sanctorum:

«la mattina del 5 agosto 352 gli abitanti del colle Esquilino ebbero una strana sorpresa: durante la notte era caduta la neve ed un soffice manto ne ricopriva un tratto. Con tale prodigio la Vergine Maria aveva indicato, ad un patrizio di nome Giovanni ed a sua moglie, che in quel luogo desiderava fosse eretto un tempio in suo onore. Da gran tempo i due anziani coniugi, che non avevano avuto figli, desideravano impiegare le loro ricchezze in un’opera che onorasse la Madre di Dio e, a tal fine, la pregavano con fervore affinché mostrasse loro in qual modo potessero esaudire il desiderio.

La Vergine, commossa dalla pietà dei due, sarebbe apparsa loro in sogno dicendo che nel luogo ove la mattina seguente avessero trovato la neve caduta miracolosamente durante la notte, dovevano edificare, a loro spese, una chiesa dedicata al nome di Maria. Emozionato dal prodigio, il mattino seguente Giovanni si recò da papa Liberio, a narrargli l’accaduto: il pontefice aveva, durante la notte, sognato la medesima cosa! Liberio, seguito dal patrizio Giovanni e da un grande corteo di popolo e prelati, si recò sull’Esquilino e, sulla neve ancora intatta, segnò il tracciato della nuova chiesa, che fu edificata a spese del patrizio e di sua moglie.» ( da: "I luoghi giubilari a Roma. Storia, spiritualità, arte"  a cura di Andrea Lonardo, Ediz. San Paolo, 2000. )

Nella realtà le cose sembra siano andate diversamente.

La fondazione della basilica di Santa Maria Maggiore sul colle Esquilino, risale agli anni del pontefice Sisto III, intorno alla metà del V secolo, e fu la prima chiesa dedicata alla Madonna, ufficialmente definita "Madre di Dio" dal Concilio di Efeso del 431. Forse venne scelto l'Esquilino come luogo per edificare una chiesa dedicata a Maria per eliminare il culto pagano di Giunone Lucina, alla quale erano dedicate le feste definite "matronalia" che si celebravano in un piccolo tempio sullo stesso colle. La basilica prese il nome di "ad Nives" non prima del X secolo perchè non vi è traccia della leggenda della neve prima di quell'epoca. Nel XII secolo venne istituita la "Festa Dedicationis Sanctae Mariae ad Nives" e ancora oggi il 5 agosto nella basilica, durante la celebrazione della messa, si fanno cadere sull'altare petali di fiori bianchi. La basilica di Santa Maria Maggiore viene chiamata "ad Nives" nella bolla di papa Niccolo IV del 1288, e a quell'epoca risalgono i mosaici di Filippo Rusuti che raffigurano la storia del miracolo, visibili ancor oggi sotto la loggia settecentesca che copre la facciata originale. Ecco sull'antica facciata della chiesa la stessa scena che Masolino dipingerà per un altare all'interno:

Mosaico del 200 Il miracolo della neve
Mosaico del 200 Il miracolo della neve

Admiral Blaeu ( 1660 ) Theatrum Orbis Terrarum

Admiral Blaeu ( 1660 ) Theatrum Orbis Terrarum
Admiral Blaeu ( 1660 ) Theatrum Orbis Terrarum

Nel 1660 vi fu l'avvistamento fatto da 2 navi olandesi nel Mare del Nord di un oggetto che si muoveva lentamente nel cielo.

Esso sembrava essere fatto da due dischi di differenti grandezze. Il resoconto di questo evento è riportato in un libro intitolato "Theatrum Orbis Terrarum" di Admiral Blaeu.

Haratonohama, Hitachi, Giappone (1803) Ume No Chiri

Haratonohama, Hitachi, Giappone ( 1803 ) Ume No Chiri
Haratonohama, Hitachi, Giappone ( 1803 ) Ume No Chiri

Haratonohama, Hitachi, Giappone - 1803

Questo è un esempio dal libro "Ume No Chiri" ( Polvere di albicocca ). Nel libro viene dato un resoconto di una "nave straniera e del suo equipaggio", che avrebbe avvistato questo strano oggetto presso Haratonohama in Giappone nel 1803.

I testimoni hanno dichiarato che il guscio esterno era fatto di ferro e vetro, Inoltre, strani simboli o lettere sono state/i viste/i all'interno della nave.

Sul web troverete moltissime versioni di questa immagine.

Svetitskhoveli, Mtskheta, Georgia ( XVII sec. ) La Crocifissione di Cristo

Cattedrale  Svetitskhoveli, Mtskheta, Georgia  ( XVII sec.) La Crocifissione di Cristo
Cattedrale Svetitskhoveli, Mtskheta, Georgia ( XVII sec.) La Crocifissione di Cristo

La Crocifissione è dipinta su uno dei lati del monumento funebre alla martire Sidonia nella cattedrale Svetitskhoveli di Mtskheta in Georgia, e anche in questo caso, come in quello precedente e nella maggior parte delle crocifissioni in stile bizantino, troviamo raffigurati gli stessi "oggetti" a fianco della croce, il Sole e la Luna, spesso rappresentati con fattezze umane. « Mysterium Lunae - Secondo l'antica tradizione iconografica della Crocifissione, comune all'Oriente e all'Occidente, il mistero della morte di Cristo è raffigurato con due "testimoni" cosmici dell'evento salvifico: il sole e la luna. Essi non solo esprimono la portata universale della salvezza operata da Cristo sulla croce, ma sono, in qualche modo, il simbolo permanente del rapporto tra Cristo ( Sole di giustizia ) e la Chiesa ( Selene ). La luna con i suoi fenomeni cosmici simboleggia il mistero della Chiesa. Il suo crescere e morire è immagine della incarnazione e della kenosi del Logos.

Essa non rifulge di luce propria, ma proietta quella che riceve dal Sole. "Non è cosa da poco la Luna, che Cristo ha scelto come suo simbolo e che rappresenta l'immagine dell'amata Chiesa.

Jacques Legrand (1400 - 1500) Le Livre Des Bonnes Moeurs

Jacques Legrand ( 1400 - 1500 ) Le Livre Des Bonnes Moeurs
Jacques Legrand ( 1400 - 1500 ) Le Livre Des Bonnes Moeurs

Questa immagine compare in moltissimi siti web, nelle sezioni dedicate agli UFO nell'arte. È un particolare di una miniatura tratta da un'edizione manoscritta di "Le Livre Des Bonnes Moeurs" di Jacques Legrand, ovvero "Il libro del Buon Costume".
Il frate agostiniano Jacques Legrand ( Jacobus Magnus, 1360-1415 ) scrisse questo "trattato sulla moralità" all'inizio del '400. I temi sono quelli delle virtù cristiane: Castità, Prudenza, Giustizia, Obbedienza, Diligenza... esemplificate con episodi biblici o tratti da altri libri che trattano di donne virtuose come "De Claris Mulieribus" di Giovanni Boccaccio. Il testo ebbe un notevole successo e venne ricopiato ed illustrato da molti artisti per oltre un secolo. L'esemplare da cui è tratta l'immagine è quello conservato al Museo Condé di Chantilly, pubblicato attorno al 1490.

Planète N. 15 - 1964
Planète N. 15 - 1964

L'illustrazione venne pubblicata dalla rivista francese "Planéte" nel numero 15 del 1964, all'interno di un articolo intitolato "France exoterique", con la didascalia "France mystérieuse: porquoi cette montgolfière dans une miniature du XVe siecle représentant la Fortune?".
Nell'articolo di Planete dunque si diceva chiaramente che quell'immagine rappresentava la Fortuna, il cui nome si legge ai piedi della figura femminile, ma nessuno in seguito citerà più questa importante informazione e perfino la datazione verrà spesso equivocata:

"Non c'erano mongolfiere in Francia nel 1338", afferma Matthew Hurley. E' vero, i primi aerostati dei fratelli Montgolfier vennero realizzati nel 1782, ma in ogni caso 1338 non è la data della miniatura, è invece il numero di catalogo assegnato dal Museo Condé a questo manoscritto.

Tiziano Vecellio (1520 -1523) Arianna e Bacco

Tiziano Vecellio (1520 -1523) Arianna e Bacco  "parte del quadro "
Tiziano Vecellio (1520 -1523) Arianna e Bacco "parte del quadro "

Il dipinto "Arianna e Bacco" di Tiziano Vecellio ( 1520-1523 ), spesso su siti di Ufologia viene considerato un dipinto che mostra ipotetici oggetti volanti in cielo. Niente di più sbagliato. Chi ha fatto queste affermazioni è stato tradito dall'ignorare ciò che raffigura lo stesso stipinto. In "Arianna e Bacco" viene rappresentato Bacco che dopo aver afferrato la preziosa corona di Arianna, la scagliò in cielo, facendola diventare la costellazione "Corona Borealis". Bacco viene raffigurato mentre balza dal suo carro con il suo seguito, ( in alcuni quadri non è presente ).

Jacopo del Sellaio ( 1450 ) Madonna con bambino e San Giovannino

Madonna con bambino e San Giovannino
Madonna con bambino e San Giovannino

Questo dipinto rinascimentale realizzato da Jacopo del Sellaio nel 1450, è forse quello che più ha dato da discutere agli ufologi. Attualmente è esposto nella Sala di Ercole presso i Musei di Palazzo Vecchio, a Firenze. Nella parte superiore destra del quadro, alle spalle della Madonna, si può scorgere quello che è lecito definire un oggetto volante non identificato osservato da una piccola figura ( probabilmente un pastore ) e dal suo cane. L'attribuzione di questo dipinto è incerta: nonostante la targhetta del museo attribuisca l'opera a Jacopo del Sellaio ( 1442-1493 ), nella scheda del catalogo ( numero 00292620 ) si legge che il dipinto è piuttosto attribuibile a Sebastiano Mainardi ( 1466-1513 ), pittore della scuola del Ghirlandaio attivo a Firenze verso la fine del '400.

Vengono inoltre sottolineate evidenti somiglianze con opere di Lorenzo di Credi ( 1458-1537 ), soprattutto per quanto riguarda la rappresentazione della Madonna.
Le particolarità di quest'opera sono molteplici: la più vistosa è certamente quella riguardante la presenza nella parte superiore destra del dipinto di un'oggetto aereo di forma ovoidale dal color grigio plumbeo. Tale oggetto sembrerebbe dotato di una cupola nella parte superiore e di numerosi raggi di luce o folgore che si propagano tutto intorno.
L'oggetto è osservato da una piccola figura, probabilmente un contadino, che si protegge gli occhi con la mano destra, forse a causa della forte luminosità. A fianco del contadino vi è un cane, rappresentato nell'atto di abbaiare che, come qualcuno ha fatto notare, è molto frequente nei casi di avvistamenti di U.F.O. odierni.
Altra particolarità si può osservare nella parte superiore sinistra e consiste nella presenza della Stella della Natività accompagnata da altre tre piccole stelle o fiammelle.
Se si analizza il dipinto da un punto di vista artistico si possono spiegare le strane apparizioni in modo diverso: lo strano oggetto ovale, infatti, potrebbe essere identificato come la rappresentazione del cosiddetto Annuncio ai pastori.
In molte altre opere del '400 e del '500 raffiguranti la Natività si possono osservare rappresentazioni simili. Nella foto a sinistra possiamo osservare un particolare di un'opera di Vincenzo Foppa dove l'annuncio ai pastori è rappresentato come un angelo che esce da una nube scura. Anche se è raro vedere rappresentata la nube senza l'angelo, è quari certo che questo tipo di rappresentazioni si rifacciano ai racconti della Natività nell'apocrifo Protovangelo di Giacomo, conosciuto solo in lingua greca fino alla traduzione latina di Guillaume Postel della metà del sec. XVI. Ai racconti contenuti in questi testi Giotto si ispirò per le storie dell'infanzia di Maria della Cappella degli Scrovegni. Proprio nel Protovangelo di Giacomo troviamo una descrizione della natività in cui non compaiono angeli ma una "nube luminosa", come in molti altri brani biblici.

Fenomeno celeste di Norimberga

Il fenomeno celeste di Norimberga è un evento accaduto a Norimberga il 14 aprile 1561
Il fenomeno celeste di Norimberga è un evento accaduto a Norimberga il 14 aprile 1561

Il fenomeno celeste di Norimberga è un evento accaduto a Norimberga il 14 aprile 1561, quando, secondo le cronache del tempo, la popolazione vide comparire in cielo numerosi oggetti volanti, di varie forme, che ingaggiarono fra di loro una sorta di combattimento. Qualcosa di analogo si verificò, 5 anni più tardi, anche a Basilea.

Storia

Le cronache del tempo riportarono l'accaduto con dovizia di particolari, affinché della vicenda rimanesse chiara memoria. Inoltre, furono eseguite diverse incisioni su legno e stampe su carta. L'avvenimento durò circa un'ora e terminò quando diversi oggetti precipitarono al suolo, alla periferia della città, causando un incendio.

Testimonianze

Secondo l'incisore Hans Glaser,che, insieme a «numerosissime persone, uomini e donne», assistette al combattimento, la mattina del 14 aprile 1561 apparvero vicini al Sole «due oggetti a forma di falce, simili alla Luna calante, di colore rosso. Questi oggetti si spostavano dal centro ai lati del Sole, e poi sopra e sotto». Glaser aggiunge che «C'erano anche delle sfere di colore rosso, blu e nero, e dei dischi tondeggianti. Volavano a file di 3, o a 4 formando dei quadrati, e alcuni dischi volavano da soli. Mescolate a questi oggetti sono state viste anche molte croci di colore rosso, e fra di esse c'erano oggetti di forma allungata con la parte posteriore più spessa e la parte anteriore più snella. In mezzo a tutto questo c'erano 2 grandi oggetti cilindrici, uno sulla destra ed uno sulla sinistra, e dentro ognuno di essi c'erano numerose sfere, e tutti iniziarono a combattere fra di loro».
Sempre secondo il racconto di Glaser, «la battaglia nei cieli durò circa un'ora e fu vista da numerosissime persone, sia nella città che nelle campagne circostanti, poi alcuni oggetti caddero in fiamme sulla Terra, alla periferia della città, provocando un vasto incendio ed una grande nube di fumo.

I presenti videro anche, vicino alle sfere volanti, una specie di grande lancia nera». Il testo di Glaser, attualmente conservato presso la Wickiana della Biblioteca Centrale di Zurigo, venne pubblicato insieme ad un breve commento di stampo religioso sul Giudizio Universale e sul peccato nella gazzetta della città di Norimberga, corredato da una stampa a colori.

Ipotesi

È impossibile stabilire con certezza cosa accadde quel giorno nei cieli di Norimberga. Alcuni ufologi ipotizzano che si sia trattato di un avvistamento UFO, interpretando le cronache del tempo come la descrizione di un combattimento nei cieli con grandi "navette-madri" dalle quali partivano moduli di dimensioni minori. Altri, invece, attribuiscono l'evento a fenomeni solari di tipo naturale come pareli, comuni nell'Europa del nord, e raggi crepuscolari.Questa ipotesi, tuttavia, risulta contestata.
Carl Gustav Jung manifestò il suo interesse per l'avvenimento, così come per il fenomeno celeste di Basilea del 1566, nel saggio Ein moderner Mythus: Von Dingen, die am Himmel gesehen werden ( "Un mito moderno. Le cose che si vedono nel cielo" ) del 1958, soffermandosi sull'interpretazione che i presenti diedero all'avvenimento.

2
2
sito ufologico