New Libro

SerieTV

Links
Links
Links
Links
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Statistiche
Flag Counter
 


Le pietre che camminano

La NASA svela il fenomeno delle "pietre mobili"

La Valle della Morte è uno dei posti più affascinanti del pianeta.
Nella vasta area desertica che si estende per 225 Km, esiste un luogo che sfida la comprensione umana chiamato Racetrack Playa, un lago asciutto conosciuto in tutto il mondo per il cosiddetto fenomeno delle "pietre mobili".
Nessuno che abbia messo gli occhi su di loro è stato in grado di decifrare il mistero di come queste rocce lentamente e invisibilmente si muovano attraverso il deserto, lasciando lunghe scie nella sabbia.
Ralph Lorenz della Johns Hopkins University, uno scienziato planetario, ha lavorato nel 2006 ad un progetto della NASA per la creazione di stazioni meteo nella Valle della Morte, dove  le condizioni meteorologiche sono abbastanza simili a quelle di Marte. Come quelli che erano stati lì prima di lui, Lorenz ha sentito il richiamo delle misteriose pietre mobili e ha deciso di provare a scoprire l'enigma dei loro movimenti.
Ma neanche i sensori meteo sviluppati dalla NASA sono stati in grado di risolvere da soli il mistero delle rocce.
La vera svolta è arrivata quando Lorenz ha trovato il sito di quella che sembrava una collisione tra 2 delle misteriose pietre.
Invece di sbattere l'una contro l'altra, le rocce non si erano toccate. Era come se una di esse avesse schierato qualche strano campo di forza che avesse deviato l'altra.
Ma la spiegazione dei campi di forza non convinse Lorenz.
Invece, la scoperta gli ricordò di un fenomeno di cui aveva letto che avviene nella regione artica. I massi nell'Artico sono a volte talmente imprigionati nel ghiaccio da guadagnare abbastanza spinta per galleggiare sul mare.
Racetrack Playa durante l'inverno è intermittente coperto da lastre di ghiaccio e spolverate di neve, e secondo i dati meteo raccolti dallo scienziato, la zona poteva essere abbastanza fredda da favorire lo stesso fenomeno.
Per confermare la sua tesi, Lorenz ha riprodotto un deserto ghiacciato sul bancone della sua cucina.
Ha congelato una pietra su un pezzo di tupperware in una quantità sufficiente di acqua in modo che una parte della roccia sporgesse dal ghiaccio per poi posizionare la lastra ottenuta a "testa in giù" su un vassoio di acqua con la sabbia sul fondo.
Il ghiaccio ha permesso alla pietra di galleggiare senza che essa toccasse la sabbia spostandosi solo con un delicatissimo soffio.
In precedenza, gli scienziati avevano teorizzato che lastre enormi di ghiaccio bloccassero diverse rocce insieme e che venissero spinte dal vento attraverso il deserto.
Tuttavia, i nuovi modelli matematici hanno calcolato che i venti dovrebbero essere a centinaia di miglia all'ora per spingere le pietre in questo modo.
La teoria del Dott. Lorenz indica che le rocce possono muoversi con solo una leggera brezza, sotto le giuste condizioni, perché il ghiaccio le fa galleggiare, riducendo drasticamente il loro attrito.
Nonostante questa nuova spiegazione per il fenomeno delle "pietre mobili", molti visitatori continuano ad attribuire proprietà mistiche alle rocce di Playa Racetrack, secondo i quali magnetismo, alieni o campi energetici misteriosi le muovono. Alcuni dei più superstiziosi credono che le pietre abbiano proprietà magiche.

 

Racetrack Playa maps

Death Valley's Racetrack Playa, The Sailing Stones

2
2
sito ufologico